Crea sito

there is no life b

Lo stupore delle prese elettriche

19 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

1000 things to do in London

1000things to do in london a meno di dieci pounds. Edizione del 2012

1-32

Rinfrescarsi a Battersea park

Bere il tè al British museum

Farsi far vedere i falconi alla tate modern

Fare una tombolata in mezzo ai dj da jaguarshoes (shoreditch)

Prendere cibo cinese a Chinatown

Wellcome museum (euston, verso camden?)

Bevi al fitzroy tavern (charlotte street, west end)

Osserva la gente a covent garden e bevi dal judy pub

Al ritzy per film ed eventi. Picture house. (Brixton)

Da stockpot per mangiare

Upthecreek per commedie (greenwich)

Fat tuesday comedy night da salmon and compass

Il trail del thames path fino a hampton court o altri walk run anche in gruppo

Winchester palace

Transport museum depot

Ist of contemporary art e heavy pencil

Hills

33-100

Suonare le campane di una chiesa

Librerie

Dulwich picture gallery

St peters walworth

Soane tomb

Smoke a shisha

Gioca a skittle a freemason arms

Gioca a piglet

Thames clippers

Eltham palace (oltre greenwich, a pag)

Tennis for free, gioca o impara

Corri la great spitafields pancake race (vedi eventi alternative arts)

Read a play with a playwright (vedi quando sei lì)

Royal observatory

Dr sketchy anti art scholl

Trovare le sculture del 20 secolo

Vedere partite di calcio non pro la dom pom alle tre. (Mattina brick…)

Tour dello spencer house garden

Vedere le lampade a gas (strand, westminster…)

Sala giochi, eventi e cibo a prezzi bassi a namco station

Vedi film ai riverside studio

Dickens museum

Royal opera house

Subtone at 93feet east

Photographrrs gallery

Gioca a carrom la dom brick lane

Decantano poemi al poejazzi volupté

Crystal palace athletics (o altre gare di atletica)

101-129

Picnic 10 luoghi

Regent street festival (1dom sett?)

Mangia pie and mash da manze

Tour delle birrerie (114-118)

2willow road

Impara belly dance (120)

National portrait gallery

Natural museum

Greenwich and docklands festival

British library (sound archive…mand registraz?)

Bp summer big screens

Southgate play cricket

Mercato antiq bermondsey

Have a cup of rosie with a cubbie

130-199

Dom sera skaville kensal green

Public lavatory south end green

Bank of england museum

Bbc tour

Clubbing (134-158) vedi guida

Free range graduate art fair

Kayak regent canal

Visit medical museums

Drink in a pub with real fire (vedi elenco), the cut bar, the three kings

Real chinatown search for

Golf a richmond

Test albert bridge

Migliori gelaterie (18-187)

Sloane city (tra mercato, teatro, pub stockpot, teatro, chiesa m, shopping sab pom c’entra un giorno a ovest)

Folk locali (n 189 196) (tipo islington dalle 20 alle 22,45) o l’ultimo in elenco ecc

English folk dance sing efdss.org

Rave shoreditch?

Sale biliardo

Mayfair castle

200-300

Twinings tea shop

Westminster

College garden

Karaoke

Film festivals (204-214)

Covent garden puppet festival

Free art fair

London bridge experience (costa meno dopo le 5, catacombe e scheletri)

Faraday museum

Cafe philo (ascolta discuss fil il sab matt all ist francese)

Ironmonger row baths

Bargain at markets

Vivaverdi dietro Tate: cantano per la tua minestea

Royalcourt theatre, maison bertaux, ristorante siriano

Street arts

Best pub jukeboxes

Ascolta band negli stores (roughtrade, poorgroove)

Impara a suonare afroamericano coi tamburi

Spend sunday with french

Green gym: gruppi di volontari ripulitori. Ci sono gruppi a camden, lewisham, newham…Vedi sito.wolf run il 7sett

Tate to tate

Lates festival in october ma first thursdays in east end da vedere sul sito

Hogart house

A caccia di pipistrelli. Vedi sito londonbats. Batwalks 29ago e 5 sett. Altri siit: highgate, sydenham…

A deptford creek a camminare e ripulire? Vedisito

Vivacakebitches: serate swing a shoreditch

Isabella plantation a richmond park

Open mic nights (es.12bar club, shoreditch la dom, poetry cafe)

St pauls church (actor church)

Ragged school, victorian lesson

Foundling museum

Vedere la cattedrale di st paul da cardinal cap alley

Tour dellaLondra romana (london wall, tempio di mitra, guildhall, museum of london…)

Trovare unacura alternativa per tutto

301-400

Spitalfields city farms

Altri city farms (vedi elenco)

Cocktail a basso prezzo (vedi elenco)

Get paddling thames dragon boat

Races sul thames

Allo scoop per performances

Grosvenor chapel american style

Proms at royal albert a prezzi modici, bbc.

Mngia al the kitchen scuola di cucina prezzi bassi cibi forse eccellenti

Rock and roll jumble (terza dom mese?)

Rock out denmark street

Find aword on notting hill street

Partita di hockey prof gratis

Cerca begli alberi

Get spooked. Out (spionaggio)

Vedi una partita di korfball

La più piccola stazione di polizia

Guarda la natura dal Barbican

Vestiti su misura: selfridges, topshop, debenhams., liberty, )

Museum of docklands

Goldenhinde

Walk docklands to twickenham e museum

The long view richmond

Saint margarets westminster abbey

Cammina per boschi e foreste (vedi elenco, trova gruppo.)

Tower of london gratis

London design festival

I miglri kebab (vedi elenco)

Le band al marathon kebab

Rose theatre

Watergate scandal

Magdala pub, dove ci fu uno scandalo

Learn to scuba dive

Eat a krispy kreme at harrods

401-499

Brazilian dance at guanabara

Peckam bellenden road

Origin, somerset house, craft fair

Drink sherry

Boat hammertons ferry…

Islington museum

Central criminal court

The beehive, vecchio pub,

Lollipop, vecchi ogfetti

Woolwich ferry

Maroush, per mangiare

Imperial museum

Guerrilla gardening

Cross london bridges

Gardens in open square days

Hear church choirs (vedi elenco e se ci sono cantate.)

Greenwich peninsula ecological park

Sunday morning in columbia road

Splash out on chocolate…vedi elenco

Croydon airport museum

Pedal: tour in bici. Vedi elenco

Get into the inns of court

In cerca di eroi e re, statue in città

Mystery of pages walk

Imperial war museum

Pole dancing, imparare

Tour a bell foundry

Northcoate road charity shops

Borough market

Spitalfields church, dove suonano

The buskers, musica classica

Clink prison

Go camping

Head for belgravia

Midsummer with french

Car boot sale. Mercatini di seconda mano. Vedi elenco

Crash course(spendi poco? Rleggi), cmq vilmagold, fred london, o2brixton, plan b. Brixton, no5ltd, secret sundaze,

Comedies: bananacabaret, comedy cafe, kings head.

Museum of docklands

Sherlock holmes in london streets

Fake houses

Freedon books, libreria anarchica

Scopri il basket

Deptford project

501-605

Ben franklin house

Smythson, the stationery museum

Bare facts, islington art factory

Severndroog castle

Super cheap food (505-514)

Shipwright arms mer sera giochi vari. Giochi al pub

Royal opera house (free lunchtime,) posti scontati ecc.

Great gorilla run

Bowling

Giro architettonico modernodomenicale nella city: vedi itinerario

I lloyd building illuminato di notte

Gioca a bike polo

St ethelburga

Marlborough street magistrate court

City of london festival

Apsley house

Bookslam: autori che leggono libri

In epping forest ritorno al neolitico: ambresboury camp e loughton camp

Royal academy of music

Comedy old roap at phoenix bar

Walking da hammersmith

John wesley house

Gresham grasshoper

Vodka al bar polski

Clockmaster museum

Go cabaret (vedi elenco)

Transition towns (brixton, belsize, kennington)

Get digging

Flash mobs londonmobs

Country blues at brooksbluebar il ven alle 20

Le piazze meno conosciute (vedi elenco)

Clerkenwell greens, marx memorial, clerkenwell close, crown tavern, finsbury health center, radical roots

Shopping in burlington arcade

Choc star

Double decker in st james e vista dei giochi sl primo piano del club hell

Musical museum

Lesnes abbey

Revisit iconic scenes from movies

Festival railway

Horse hospital

Design museum

Dover street market

Free public lecture. (British academy,dana center, gresham college, royal nst of gb, national gallery,royal society of arts, niversity college of london.)

Enjoy the view on top of greenwhich park

City’s livery halls (vedi itinerarrio)

606-703

Brick lane vintage, bethnal green window shopping, the shop in cheshire st

Naviga sul regent’s canal

London glassblowing

Borrow a book from a library (vedi elenco)

Thames festival

Tubby isaacs seafood stalls

Tristan bates theatre midnight matine

Calcio femminile

Critical mass

Ascolta grandi band a poco nei pub. Amersham arms, the bredford, betsey trotwood, dublin castle, gladstone arms, haggerstone, half moon putney, macbeth, old blue last, slaughtered lamb

Laughter workout r london laughter community per imprare

ridere

Leighton house

St martin in the fields

John soane museum

Kenwood house

Finbury circus

Age exchange

Peter pan cup

St etheldreda

Sit in ferryman perch

Swapping party

Verdi e co x mangiare

Mandir, tempio hindu

Croydon pirates, home for baseball

Garden museum

New covent garden market

Notting hill arts club

Poker league

Alexanda palace

Kings place

Vedere auto classiche

Exhibit cinema

Conoscere william morris

Mangia olandese da de hems

Tyburn convent

Kingston museum

Be a mystery shopper

Andare a tetro coi fringe benefit (683-697)

Chumleigh cafe

Birdwatching

Bar biliards

Freerun

704-

Lunch at french house

Stanfords travel bookshop in covent garden

Tv radio live

Potuguese population in lambeth

Prova arti marziali

London school of beauty and make up

A chip haircut

Thirsty thursday wholefood market

London wildlife trust

Twickenham tour

Fashion and textile museum

13 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Procedendo verso Granada

Verso Granada, 6 novembre 2018
Vi è mai successo di svegliare tutto un vagone con la musica degli Stato Sociale? Il resto è inferno, urlavano loro dall’ipad su cui avevo premuto inavvertitamente il tasto della musica. Che era a tutto volume. Alle sette di mattina.
Poi non è che sia facile contemporaneamente arrossire, dire maremma maiala, prendere l’ipad, riuscire ad aprirlo mentre sai che tutti ti guardano e stanno preparando le cerbottane, cercare disperatamente il tasto della pausa, trovarlo, fare una gran fatica a premere, sperare che effettivamente faccia il suo e finalmente zittire gli Stato Sociale e i sessanta milioni di partiti.
Vi è mai successo che mentre portavate circa tre chili di oggetti metallici tutti retti sull’avambraccio sinistro, una macchina fotografica mirrorless dentro una tasca aperta del giubbotto e un trolley portato avanti con la mano destra e lasciato sbattere sulla fotocamera per evitare che cadesse, si sia di nuovo accesa la musica? Ancora una volta il resto sarebbe stato inferno non fosse che il tipo della sicurezza che aveva fatto l’errore di minare il mio equilibrio precario chiedendomi il biglietto, era un equivalente della maschera di ghiaccio. L’aeroporto ha continuato a funzionare regolarmente. Nessuno si è lamentato della musica. Dietro di me c’erano solo due passeggeri che hanno atteso con una pazienza infinita che spengessi la musica e prendessi il telefonino con la sua simpatica carta d’imbarco e la mostrassi al tipo che…non l’ha guardata nemmeno!
Vi è mai successo che al caffè oltre i controlli di sicurezza abbiate dovuto fare uno stop al trolley che cadeva come neanche Roberto Baggio quando gli veniva passato un pallone con un lancio di quaranta metri? Anche lì si è sentito un bel maremma diavola. Dovevo salvare la fotocamera, che era adesso dentro la valigia.
Vi è mai successo di cercare le lenti a contatto nei contenitori, scoprire che non c’erano, farvi prendere dal panico e ricordarvi dopo un minuto buono di averle negli occhi?
Vi è mai successo di stare in fila per prendere un caffè, fila formata da tre persone avanti a voi, ma non scorre perché il capofila ha qualche problema col bancomat e voi non potete proprio aspettare perché siete in ansia dovete passare dai controlli di sicurezza poi dovete andare al gate e anche se mancano due ore e mezzo non potete certo rischiarediperderelaereopercolpadiunminutoinpiùpassatoaprendereuncaffè che avreste preso poi con calma dopo avere oltrepassato con calma i controlli di sicurezza e dopo avere messo a posto le cose metalliche impiegandoci circa dieci minuti.
Vi è mai successo (eh, oh, ormai si continua così) di trovarvi a scrivere nello stesso posto, stesso tavolino, stessa sedia, stesso ristorante, con lo stesso ipad, di tre mesi prima, quasi? Era il due agosto e partivo per Glasgow e scrivevo questa cosa qua: https://m.facebook.com/doppiaerre/posts/10155953647915674?__tn__=K-R Non mancano nemmeno i rompipalle. Il bambino che il due agosto mi fissava si è trasformato in bambino che urla, ma è durato poco stavolta. Ha cominciato presto a ridere e giocare con una probabile sorella e si è calmato. Lo speaker che annuncia le solite cose sul fumo, sulle disposizioni sui liquidi e sui bagagli incustoditi all’interno dell’aerostazione invece non dà tregua e il problema è che non sopporto essere distratto quando scrivo.
Be’. (Sì, basta, si cambia). Il due agosto la lotta per lo spazio in valigia fu più dura. Stavolta ho lasciato a casa un paio di pantaloni rispetto a quelli messi in valigia ieri sera, ho messo uno zainetto più piccolo e però non so se abbia fatto bene a portare la fotocamera. A Bilbao feci bene a non portarla. Non vorrei che in questo viaggio sia solo un ingombro e resti ferma in camera.
E poi? Douglas Adams ha scritto che in nessuna lingua al mondo esiste l’espressione bello come un aeroporto e ogni volta penso a questa frase e ogni aeroporto ne conferma la veridicità.
E poi ancora? Nel treno da Milano Centrale a Malpensa una ragazza raccontava al suo probabile boyfriend che un suo amico gira il mondo e lavora lì dove gira il mondo. In questo modo è stato un mese in Thailandia, un mese in Australia e poi in Nuova Zelanda, in Laos, in Vietnam e poi boh. In ogni caso queste cose non sorprendono più di tanto ormai, no
Nel treno da Firenze a Milano purtroppo avevo una persona accanto, una donna che ha detto amore al telefono tre volte, ha parlato di figli, ha detto che un po’ leggeva (libri con “cuore” nel titolo) e un po’ lavoricchiava. Il problema per quanto mi riguarda è solo che mi ha costretto a fare degli equilibrismi per prendere le cose nella valigia. Oltre al fatto che dovevo farla alzare visto che scendevo prima di lei. Durante tutto il viaggio in treno mi sono anche mangiato letteralmente le dita, ma sembra che ce le abbia ancora e quindi sono a posto.
Ah, certo! Per la serie non c’entra una mazza con questo viaggio ho prenotato già alcune cose per il 2019. L’hotel per gli assoluti di nuoto a Riccione, il biglietto per le partite del giovedì degli Internazionali d’Italia di tennis a Roma sul Next Gen Arena, ma soprattutto ho fissato con booking una camera al Gwangju Backpackers per nove notti per centosettanta euro totali a fine luglio per i mondiali di nuoto. Tanto c’è la cancellazione gratuita. Sarà che vada in Corea a vedere i mondiali di nuoto, adesso, no?
Ora devo andare al gate. Ovviamente prima o poi scriverò i racconti di questo viaggio. Non so invece se e quando e per quanto mi disconnetterò dal mondo virtuale, instagram, facebook, whatsapp ecc., ma è un’idea che potrebbe trovare il posto a tavola. Magari a questa tavola e perché no? Farmi tornare a tre mesi fa. Dite che non è possibile, eh?
Bene. Allora andiamo avanti. Verso questa nuova avventura.

13 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Granada giorni due e tre

GRANADA 8 e 9 novembre 2018 o giù di lì

1. La donnina mi dà un rametto di una pianta. Mi dice che mi guarderà le mani. Mi dice che vuole banconote che poi mi dà il resto. Le do cinque euro. Ne vuole dieci. La mando a fanculo quando è troppo tardi. Erano anni che non ci ricascavo. Di solito ultimamente ho il vaffanculo facile anche con i venditori telefonici. Eppure…
2. Ero nei pressi della cattedrale, della capilla real, del palacio de la madraza quando mi ha beccato l’imbonitrice. Vabbe’ dai sono dei bei monumenti, visti da fuori. La cattedrale l’ho solo sbirciata dentro dall’ingresso prima della cassa. È una chiesa. Come vi aspettate che sia una cattedrale? Ecco. È così. E se ve la aspettate in modi diversi, è in ogni modo in cui la immaginate, così siamo a posto.
3. Alcaiceria. Si tratta di un mercatino di oggetti che si trovano nei mercatini, molta pelle e diversa ceramica, oltre a souvenir vari ecc. Sembra un paesino in miniatura con le stradine e i vicoletti un po’ labirintici. Belle sono le scritte e le decorazioni arabeggianti che si ritrovano anche nei muri e nelle descrizioni delle vie in città. Il voto a questo mercatino? 8.
4. Alle quattro avevo praticamente finito il giro che mi ero proposto oggi, dopo avere escluso di andare a Ronda, perché faceva freddo, mi dovevo alzare presto e soprattutto ho capito che non avrei fatto in tempo a vedere Granada. Dunque, dicevo che avevo finito il giro. Allora mi sono diretto verso il monastero de la Cartuja. A un certo punto da una casa proveniva una specie di canto gregoriano cantato da donne. Sono sceso dopo avere fotografato la facciata, bella, quella che ti aspetti da un monastero e se vi aspettate più facciate ecc. Gli altri monumenti della città nuova, dalla Cartuja alla Gran Via ho deciso di guardarli su internet: hospital real, una o due chiese, un altro monastero.
5. Fa un freddo becco, soprattutto la mattina e la sera e all’ombra quasi sempre. Ci sono dieci gradi e sono vestito da venti, diciamo. Quando la temperatura si  avvicina ai quindici gradi sono più contento.  Al sole alle due del pomeriggio è anche calduccio.
6. Granada è il sogno degli universitari che vanno in Erasmus, dicono. O la città ideale. O comunque è una città piena di studenti. Ho visitato un campus. Sono arrivato verso le 17,30, da Cartuja, e c’era una fiumana di studenti che usciva, in effetti. Mi sono seduto su una panchina a osservare loro, il panorama e la Lonely Planet in cerca di un’ispirazione su che fare in seguito.
7. Ho deciso di rintanarmi a casa, dopo avere cenato.
8. Cose notate ieri sera. Un negozio di croccante gigantesco. Alcuni buttadentro i ristoranti a cui mi sono ben guardato di avvicinarmi. Una pasticceria in cui ho addentato gli immancabili churroz con cioccolata calda. Una piazza alberata dove il cicaleccio delle cicale era più forte dei motori del furgoncino che ripuliva le strade.

13 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Granada giorni: uno e mezzo del due

1. Dio benedica la Lonely Planet. Anche se è in spagnolo.
2. Albayzìn alto. 8. Un labirinto. Un intrico di vicoli, stradine, scalinate, pavé, ciottoli per terra,  piazzette, mirador, chiese, panchine, mercati, piccole librerie, piccoli ristoranti (“serviamo clienti anche senza esperienza”), il bianco come colore dominante salvo che dove c’è un mercato. Google Maps era in seria difficoltà a seguire le vie, tanto che ho dovuto fare affidamento perfino sul mio senso dell’orientamento e il fatto che sia riuscito a trovare alcuni dei luoghi indicati dalla LP significa che l’unico modo per trovarli è girare a caso. Udito un uomo che fischiettava canzoni seduto di fronte a un mirador. Visto un gruppo di giovani dalla pelle di diversi colori passarsi delle sostanze stupefacenti (a meno che non si trattasse di zucchero) all’ingresso di Plaza Larga. In una delle piazzette mi sono seduto su una panchina e avevo accanto a me una lattina di birra vuota. Uno bravo avrebbe creato una canzone da questa scena.
3. Albayzìn bayo: le piazze. 7. Per arrivare dall’alto al bayo Google Maps è di nuovo diventato fidato e mi ha fatto fare il giro dei calle, detti anche vie dell’agguato. Un po’ mi hanno ricordato le stradine dell’Alfama a Lisbona. Arrivato a Plaza Nueva, portarsi a Plaza Sant’Ana sarebbe un attimo. Basta attraversare la piazza in una direzione. Invece il fidato Google Maps mi ha fatto fare un giro tra altri vicoli e la strada dei ristorantini nella quale si trova il Pilar de Toro e un altro in cui con cinque euro mi sono fatto un pranzo a base di tapas.
4. Albazìn bayo: la carrera del darro 8.  Secondo alcuni è la calle mas hermosa del mundo ma anche no. In pratica è un lungofiume, almeno nella prima parte, che si dipana da Plaza Sant’Ana e la sua chiesa. Sul fiume ci sono due ponti più o meno famosi. Ai lati di uno un uomo nudo stava immobile con le mani alzate. Sul lato sinistro della strada, proveniendo dalla piazza, ci sono alcune vie e in queste dei posti interessanti come il palacio de los olvivados dove c’era un’esposizione sugli strumenti di tortura usati dall’inquisizione. Datemi una mostra del genere e vi pagherò quanto volete. Infatti sono entrato a vederla. Inoltre ci sono i bagni arabi, la casa museo de juan de dios con un bellissimo giardino e una libreria di solidarietà, alcuni paseos chiamati con nomi come paseos de los tristes pieni di localini con tavolini e fontanine e musicisti come una chitarrista che suonava cose tristi e un suonatore di flamenco che suonava cose allegre.
5. Granada è il posto dove si può mangiare spendendo il meno possibile. Tapas y cana 1,80 euro. Oppure pollo arrosto e riso 7 euro e così via.

13 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Granada giorno 0,5

Questa città ha diverse anime e diversi stili.
Non è lineare, c’è sempre una deviazione, un cancello, una scalinata, un vicoletto, una via dell’agguato, un mercato a cui si accede passando da un arco che rompono la regolarità. Magari non credi che da quella strada stretta in discesa, piena di ciottoli e con qualche scalino si possa sbucare nella Gran Via oppure in una piazza larga o in altre piazze alberate piene di cicale che cicaleggiano e giovani studenti che si riposano o passeggiano mentre in mezzo alla piazza sta una fontana.
Si passa  dai negozi delle vie dello shopping ai bazar, ai negozietti turistici, ai negozi di prodotti non trovabili ovunque come quello in cui viene venduto il croccante. Immancabili sono le tapas e qui i prezzi sono bassi. Con un  euro puoi prendere una tapa e un drink: mica poco! Io però stasera mi sono cibato dei churroz con cioccolata e di un panino al prosciutto, il famoso jamon iberico.
Ho intravisto in un giro durato tre ore quelle cose che ho detto sopra e la maestosa cattedrale: veramente bella. Ho intravisto molti studenti, due campus universitari, alcune famiglie di turisti e molti giovani. Non ho capito se io mi trovi in una specie di quartiere arabo, ma comunque sono a dieci minuti a piedi dalla cattedrale e ho un negozio di abiti siriani poco oltre casa.
Mi ha colpito questa varietà intravista di stili e di anime che cercherò di approfondire.
Da abolire: chi vuole farti entrare dentro il suo ristorante. Io ho da guardare i menu, pensarci con calma e poi decidere. Se vedo che ti avvicini o che c’è un cameriere davanti alla porta faccio il crocione sul tuo locale.
Da tenere: la Lonely Planet di Granada in spagnolo presa in una libreria. È bello ritrovare la guida conosciuta e essenziale dopo avere visto che quella comprata in Italia, un’altra guida low cost, era un po’ così.
Cioè vabbe’ questo post è un po’ troppo descrittivo e banale, ma lo pubblico lo stesso.
Domani vado a Ronda e già mi preoccupa dovermi alzare alle sei perché immagino il freddo, visto che anche oggi, soprattutto dopo le sei di sera faceva un freddo becco.

13 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Un giorno all’Alhambra

  1. C’era una volta un biglietto. Un bel foglio di carta in formato A4 che diceva “esta es su entrada” per l’Alhambra. Questo bel biglietto l’ho messo dentro la tasca aperta della giacca. Dopo essere andato a fare colazione in un negozietto di alimentari che vendeva biscotti e pasticcini ho infilato la mano nella giacca e ho avvertito una mancanza. Il grande peso dell’assenza. Ho avuto un presentimento, che si è rivelato esatto dopo la ricerca del biglietto in tutte le tasche, il portafogli e in tutti i luoghi, compresa la camera in cui ero tornato e il negozietto in cui ero andato di nuovo, e in tutti i laghi. Il biglietto si era smarrito. Lui da solo, aveva deciso di andarsene, l’ingrato. Eppure non lo avevo trattato male.
  2. Bene, mi sono detto, anche se ero diventato pallido in viso. Pfui, bigliettaccio, farò a meno di te. Non mi sono perso d’animo e ho cercato di scaricare il pdf del biglietto ricevuto via email sperando che lo accettassero. Spoiler: lo avrebbero accettato, visto che c’era il codice qr e non avrei avuto problemi col fatto di tenere il telefonino acceso, grazie al mio meraviglioso caricabatterie da 20 ampere. Sono comunque uscito dal negozietto e guarda che ti riguarda per terra, lui è tornato! Il biglietto è apparso magicamente per terra, con una vistosa impronta di una scarpa nella parte superiore. Evidentemente il biglietto ha capito che senza di me sarebbe stato peggio e si è fatto trovare, quasi miracolosamente, dopo una decina di minuti da quando aveva deciso di lasciarsi cadere.
  3. Bene (2). Mi sono quindi incamminato verso l’Alhambra, raggiunta attraverso la Calle Real, seguendo un po’ Google Maps, un po’ i cartelli e un po’ la gente, secondo la ben nota filosofia della pecora. Sempre col dubbio di sbagliare strada, sono arrivato all’ingresso. Il punto era che entro un quarto d’ora avrei dovuto entrare al Palazzo dei Nasridi. Quindi ansia! La distributrice di audioguide mi ha tranquillizzato e io ho preso una guida audio che illustra tutto il percorso dell’Alhambra e che, sappiatelo, è fondamentale se volete imparare qualcosa, conoscere a fondo l’Alhambra e anche se volete non perdere ore a passare da un posto all’altro. Per la cronaca per entrare in ogni “posto” dovrete farvi scannerizzare il biglietto, quindi tenetelo al guinzaglio.
  4. Mentre mi dirigevo in fretta e furia verso il palazzo, chi mi trovo di fronte lungo il viale alberato che contorna la Medina? (Hehe, allora non sapevo che cosa fosse quel viale, ma adesso lo so, si vede che ci sono stato, eh?). Una comitiva di occhiammandorlati! Li ho definiti giapponesi, ma a parte il luogo di provenienza, il problema è che occupavano tutta la carreggiata, spostandosi pure a zig zag sempre zigzagando dove mi dirigevo io, fermandosi all’improvviso, andando a rilento, rallentando ignominiosamente il mio passo. Per fortuna loro a un certo punto si sono messi in fila e li ho sorpassati, ma la mia voglia di fare una strage non è per questo diminuita.
  5. Le visite al palazzo sono previste a orari scaglionati e devi rispettare il tuo orario di ingresso, altrimenti non entri (anche se a due cinesi è stato permesso di entrare un quarto d’ora dopo l’orario di ingresso). Anche le visite al complesso (eccola la parola che non mi veniva!) dell’Alhambra devono essere prenotate. Tutto questo ha il vantaggio di rendere i percorsi molto vivibili e le code scorrevoli, tanto che alla fine perfino le comitive di occhiammandorlati e di scolari non creano disturbo. Insomma lo scaglionamento è un bene perché evita lo scoglionamento.
  6. Palazzo dei Nasridi, Medina, Viale delle Torri, Giardini del Partal, Palazzo di Carlo Quinto (che voleva la pace nel mondo), Generalife, Alcazaba (con gli spettacolari panorami che si vedono dalla Torre della Vela, Sierra Nevada nevada compresa). Queste sono le parti che compongono il complesso dell’Alhambra. Qui nel 1829 lo scrittore Washington Irving ha scritto “I racconto dell’Alhambra”. Tutti questi luoghi sono splendidi e valgono sicuramente i circa 15 euro del biglietto, più i sei euro dell’audioguida. A tornarci con calma potrei anche fermarmi a riflettere sull’universo in alcuni punti, ma oggi non avevo tempo.
  7. Oggi era il giorno del tour de force! Anche perché poi pensavo di andare all’Abbazia di Sacromonte e invece ho desistito! Deve essere la vecchiaia. Ho preferito tornare in città facendo un tour a caso per delle stradine che andavano in discesa e quindi in effetti non potevano che portare nei dintorni di Plaza Nueva. Mi sono detto: non è la strada di stamani, ma vai in giù e affidati a dio.
  8. Cioè. Sei stato all’Alhambra, fai un elenco di punti che sembra che tu abbia scritto chissà cosa e non racconti sostanzialmente niente del complesso? Sì, esatto. Andate a vedervelo.
  9. Comunque il caffè preso al chiosco che si trova tra il palazzo di Carlo Quinto e l’Alcazaba è in assoluto il peggiore che abbia mai bevuto. Ci ho messo per forza di cose lo zucchero, così almeno è diventato una bevanda al gusto di zucchero.
  10. Al ritorno a Granada centro ho optato dunque per fare un giro di tapas. All’Antigualla II ho preso una sangria e un hamburger dove il panino (con patatine incluse) è gratis, come d’abitudine da queste parti. Così me la sono cavata con 3,50 euro. Dieci euro dieci tapas è stato invece l’invito per fermarmi a cena, in una strada che congiunge la cattedrale con le piazze Romanilla e Bib Rambla, quelle piene di ristorantini, insomma e quelle dove mi sono nel pomeriggio fermato su delle panchine. Anche lì però non ho riflettutto sull’universo e nemmeno ho scritto qualcosa su quello che osservavo o qualcosa che avrebbe potuto produrre un mini racconto o un mini post. Niente. Ho abbandonato le pause di riflessione in questo viaggio che tra l’altro non è per niente frenetico.
  11. Libri adocchiati in libreria (sono stato in due, ma una era una libreria paolina e c’era solo roba religiosa, quindi sono scappato in fretta): 1001 serie tv da vedere, 100 luoghi per andare a correre, Rafa & Roger la storia. Niente su Granada e la sua storia. È strano non solo che non mi sia fermato a riflettere e a scrivere. È strano che non abbia preso niente sulla storia dell’Andalusia e della sua lingua (che è castigliano con un accento particolare, dice il corso Assimil). È strano anche che non abbia voglia di rendere questi post un po’ più divertenti o particolari ma non sempre è domenica, non tutte le ciambelle riescono con il buco, non esistono più le mezze stagioni e rosso di sera bel tempo si spera. Così è se vi pare, insomma.
  12. Ma dicevamo della Sierra Nevada. Non vi vengono in mente i training della nazionale di nuoto o l’esperienza spagnola di Alice Mizzau? D’accordo. Ma vi verrà in mente Alberto Tomba, no? I mondiali del ‘96.

https://youtu.be/dfnU9lDifYo

https://youtu.be/mi3AK9Y7x94 coppa del mondo 95

https://youtu.be/Lw7Mkk9QXBk documentario

 

3 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Valencia a fine ottobre

Valencia a fine ottobre era soleggiata, calda e calma. L’wifi funzionava dappertutto. La colazione dell’hotel era pantagruelica: salumi, formaggi, latte, crema catalana super, dolci, marmellate, paste (queste un po’ deludenti), agrumi a volontà. Del resto dopo la mezza maratona mi sgrifai un sacchetto da 750 grammi di mandarini.
L’albergo era di quelli di NH. Il primo approccio alla reception è stato quello di dire quattro parole in quattro lingue. Confondere in particolare il francese e lo spagnolo e sentirsi rispondere in inglese. La domanda “Come arrivare ad Avenida de Francia” ha scatenato il panico alla reception ma alla fine ci sono arrivato.
Una città con tante fontanelle è una città civile.
Il cibo è molto buono: dal re delle acciughe (due piatti, 52 euro, più 26 euro di pane, totale 315 euro in otto) al re delle tapas alla paella alla valenciana del pranzo post gara alle crocchette di prosciutto ai pescaditos e montaditos.
Il mare calmo e azzurro, la passeggiata e la seduta sulle panchine del lungo-oceano, il parco sul fiume percorso in risciò insieme ad Angela e a seguire abbiamo mangiato i churroz alla cioccolata. A Valencia ci sono stato quattro giorni ma sono stati giorni con assaggi di paradiso.
Casa Guillermo, il museo della scienza e della tecnica, le terme, il muraglione, le ringhiere in legno e in ferro battuto sono ricordi impressi negli appunti, così come l’orzata che sapeva di orzata (dicono gli esperti di orzate) ma a me non è che mi sia piaciuta.
Col gruppo ci si sono raccontate storie di vita e di città: la polizia e i black block, gli anarchici diciassettenni rimproverati dai genitori, le aziende in cui si lavora, Firenze piena di arte.
La sera non mancavano i chupitos. Eravamo un gruppo di alcolizzati, come ha detto Stefano?
L’acquario? Mi ha messo tristezza. Mi sono chiesto se i pinguini avessero caldo. Soprattutto lo spettacolo dei delfini l’ho trovato detestabile.
Abbiamo parlato, camminato, corso, gareggiato, visitato musei, ma la frase storica è stata:”Tra il tempo di mangiare, quello in cui si parla di mangiare, quello per prenotare il mangiare, sembra che non si faccia altro che pensare a mangiare”.

Peccato che questo post sia preso da degli appunti ormai vecchi e stringati. Ci volevano tweet in diretta, all’epoca o ricordi più corposi anche delle chiacchiere e delle battute o di ciò che avevamo visitato o delle sensazioni provate. In ogni caso la parola Valencia l’associo ancora a serenità. È bella Valencia, andateci.

 

3 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Mezza maratona di Vienna 2011

Il bel Danubio blu è bello. Anche le montagne in lontananza rendono affascinante la vista. L’expo della gara è senza infamia e senza lode.
A colazione vedo un bambino che gattona curioso. Tre tipe con la maglietta “Belke Runner” ridono.
La camera è bella, la cameriera che mi parla dell’Italia pure.
Il giorno della gara Vienna ci accoglie con la musica da tutte le parti, ma comunque è una caratteristica della città quella di diffondere musica attraverso le orchestre e le radio nelle piazze centrali.
I corridori sono 30900 e provengono da cento paesi. Quasi tutti sorridono, anche se molti sono tesi e carichi.
La gara la faccio all’attacco. Trovo obiettivi davanti a me per superarli: loro sono partiti troppo velocemente e io col mio passo in negative split li avvicino fino al sorpasso. Sprinto prima del traguardo, do il cinque ai bimbi sulla strada, il tempo è il mio personal best di allora: 1h52’ se non ricordo male. 5’15/km di media, comunque. C’era anche un bel tifo. Il percorso era nel centro e nel verde. Alla fine un po’ di fatica si faceva sentire e sputacchiavo verso tutti i punti cardinali. C’era anche un gruppetto di ragazzi che correva con la bandiera di Greenpeace. Il tifo si faceva sentire lungo il percorso.
Dopo la gara mi dicono di prendere le medaglie anche per loro. Alla fine prendo quattro medaglie ma contemporaneamente anche un’altra persona ne aveva prese quattro, così abbiamo otto medaglie di troppo. Non è di troppo invece la birra al ristoro.
Festeggiamo anche con una Sacher là dove è nata. Equilibrata, delicata, non pesante, con la panna è la morta sua.
La sera mi siedo da solo in una panchina in piazza. Un uomo con la chitarra suona tutte le canzoni del mondo. Io mi rilasso, ascolto, non ho pensieri, sto bene e sono felice.

2 Settembre 2020
di riccardoricciblog
0 commenti

Un’altra giornata torinese

Clarissa: “Non farti derubare quando vieni a casa mia”. Tanto per mettere ansia.
Clarissa: “Quasi quasi vengo a correre con te.” “Hai l’abbigliamento adatto?” “Sì, certo: i leggins (santo cielo!), il felpone (santooooooooooooo cielooooooooo), le scarpe da ginnastica (vabbe’, via) comprate nel reparto corsa (ah, allora) da Decathlon (vabbbe’, via) per venti euro (santooooooooooo cielooooooooooo). Poi non sono andato a correre e questo è un big problem.
Io: “Sabato al compleanno di Viviana viene anche Roberta di Pesaro (sì, vabbe’, resterà sempre Roberta di Pesaro anche se è nata a Foggia e vive a Fano)”. Clarissa: “Roberta? Aaaaahhhhh! Ma lei è Rob!”. Che si chiama Roberta una che di nome fa Roberta? Ha ragione Clarissa.
Io, pur avendo Google Maps: “Signor vigile! Come faccio ad arrivare al Bicerin in piazza della Consolata?” Lui non solo mi dice che piazza della Consolata è lontano (otto minuti a piedi, in realtà) e che siamo in Borgo Dora (grazie, so leggere), ma non conosce il Caffè Al Bicerin, a Torino dal 1763 e il vero creatore di quella roba che sta tra il delizioso e il sublime (questo è l’aggettivo usato da Katia, una runner fiorentina).
Ps. Qual è il femminile di corridore? Corridora?
Claudia: se sei una donna single non ti fai la ceretta alle gambe. Vede che annoto la frase e allora cerca di rimediare: “Non te la fai spesso”.
Non ricordo un’altra frase storica di Claudia, incontrata con Stefano e Tony e con cui abbiamo preso un tagliere di salumi e formaggi piemontesi più (io) un calice di Barbera. Alle pareti del locale chiamato Signor Panino.
Novara – Varallo, Novara – Omegna, Cuneo – Ventimiglia: sono tre ferrovie che vanno percorse secondo il libro “Vacanze in treno”. La Cuneo Ventimiglia ha avuto l’approvazione di Stefano, che di Torino e Piemonte sa tutto, e poi di Lorenzo, se non ricordo male.
Claudia: non tutti continuano a essere fisicati con l’età. Io sì.
Claudia e poi Laura: “Con quel (codesto) piumino sembra che tu debba andare a scalare il Monte Bianco”.
Lo short track visto dal vivo è spettacolare. Ho anche visto la vittoria di Martina Valpecina. Poi nella staffetta mista ci sono state diverse cadute che purtroppo non sono riuscito a fotografare. Eh, a saperlo prima che cadano…
La combinazione Fuji Xe3 e Fujinon Xc 50-230 è stupenda. Poi se qualcuno vuole regalarmi un Xf 50 140 o un Xf 100 400 non rifiuto il regalo. Come realizzare in quel contesto delle foto tecnicamente perfette o artisticamente valide? Eh, per saperlo bisogna mettersi a studiare e a praticare.
Claudia: “Scusa, sto arrivando”. Allora cerco di tradurre la frase in minuti di attesa e vado a prendere un caffè in un bar in via Garibaldi, incrocio con Piazza San Carlo. Il tempo di mettersi a sedere ed ecco che vedo Stefano. “Sto arrivando” andava interpretato in senso letterale! Grande Claudia.
Poi sono andato a cena con Laura e Lorenzo da “Crudo l’Osteria) e non siamo rimasti molto soddisfatti, ma la cosa grave è che pur avendo parlato per delle ore non ho annotato delle frasi storiche. Nemmeno quando si è unita Clarissa. Ciò non va bene.
Mentre ero a vedere il grand prix di fioretto ho cominciato a sentirmi sempre più male, malgrado cercassi di alzare il volume. Quindi sto tornando a casa con un giorno di anticipo. Ringrazio chi ho incontrato e per il resto dei torinesi conosciuti ci sarà un’altra volta. Oggi c’erano gare di scherma, short track, nuoto, basket, calcio (Torino – Udinese, fuori dal pala alpitour alle due di pomeriggio era pieno di gloriosi tifosi granata. Mi sono chiesto se al giorno d’oggi sia possibile trovarsi vicino a uno stadio e comprare il biglietto per una partita di serie A senza tanti problemi). Inoltre c’erano da vedere gli sport invernali sull’ipad, ma il tutto è stato rallentato e poi cancellato dalla mia vita un po’ per lo sciopero dei mezzi pubblici e un po’ per l’inizio di influenza.