Crea sito

there is no life b

Lo stupore delle prese elettriche

Commercio delle armi

| 0 commenti

“Preferisci il libero mercato all’etica come un qualsiasi commerciante di armi?”

Le armi sono neutre. Una combinazione di elementi chimici, un ombrello, un aereo, una lametta da barba, un coltello, una bomba, un fucile possono avere anche usi pacifici o scientifici o medici o di guerra e violenza, che comunque fanno parte della natura umana
Il loro uso non è neutro.
L’alternativa sarebbe o il monopolio statale o il divieto stabilito dal Supremo Decisore. In caso di divieto, prospererebbe il mercato illegale: se ci sono una domanda e un’offerta sono destinate a incontrarsi. Non ci sarebbe il rispetto di nessuna rule of law e il Supremo Decisore si terrebbe per sé le armi e comincerebbe a usarle, come hanno fatto tutti quelli che hanno voluto costruire società etiche, stati etici, uomini nuovi e minchiate del genere (tutti i dittatori, di destra e di sinistra, partono con idee del genere e per imporre l’etica del Supremo Decisore agli altri si limita la libertà, anche quella di scelta, e si producono guerre, tentativi di autarchia e povertà.)
Se è un Supremo Decisore debole o corrotto (e più alti sono i poteri dei Supremi Decisori, più alta è la corruzione,) prenderebbero il sopravvento i contrabbandieri, come fanno quelli che prosperano nei paesi dove vigono i protezionismi. Il libero mercato prevede il rispetto della rule of law.
Infine, probabilmente, in caso di divieto, sarebbero i Supremi Decisori a fornire le armi ai propri amici.
L’isis è la perfetta espressione di un pugno di uomini che mette l’etica al primo poto. La propria etica? Certo: come tutti quelli che vogliono la prevalenza dell’etica. La propria.
Tra questi ci sono stati Pol Pot, Chavez, Stalin, Hitler, Arkan…
Il problema non è l’etica, ma chi decide cosa sia etico e imponga la propria volontà agli altri, limitandone la libertà di scelta e avendo sufficiente potere per dire che sta agendo in nome dell’etica.
Comunque nel mondo non è che prevalga così tanto il libero mercato: il potere degli stati è enorme.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.