Crea sito

there is no life b

Lo stupore delle prese elettriche

Libri letti, giugno 2017

Ultimi libri letti, sulla base di una lista chiamata: “Libri che mettono di buonumore”.
DAVID LODGE. E’ CROLLATO IL BRITISH MUSEUM. 4. Il libro vorrebbe essere, ma non è, un saggio sulla perversione cattolica contro i contraccettivi e vorrebbe essere, ma non è, un romanzo in cui viene narrata almeno una storia e in cui ci si chieda spesso: ” Poi che succede?”. Inoltre, se escludiamo le due o tre pagine in cui interviene Clare, non fa ridere, anche se gli piacerebbe. Per tutto il libro Adam, il protagonista, è terrorizzato dalla possibile nascita del quarto figlio, ma alla fine risulta che Barbara, sua moglie, non è nemmeno incinta: tanto rumore per nulla.
GIANLUCA MOROZZI. DESPERO. 6,5. Il libro avrebbe potuto intitolarsi “Dite a Silvia che l’amo”. Glielo dirà lui dopo dodici anni, comunque. Il protagonista si chiama Gianluca, è bolognese, e racconta della band musicale più o meno metallara che ha fondato coi suoi amici a fine anni Ottanta e della sua vita da rockstar adolescente e post adolescente. Tutto quello che potete aspettarvi in un libro del genere, ce lo trovate.

SHALOM AUSLANDER, IL LAMENTO DEL PREPUZIO. 7 . E dio disse a Mosè: “Ecco il paese che ti ho promesso, ma tu non vi entrerai. Tiè”. E Mosè morì. Il libro va avanti così per duecento pagine, mentre Shalom racconta la sua vita, ossessionata dalla religione. Alla fine risulta un po’ ridondante.
PINO CACUCCI, SAN ISIDRO FUTBOL. 7. Un po’ Benni, un po’ Pennac, un po’ Fantozzi, un po’ Cacucci. Villaggi improbabili, squadre di calcio improvvisate, personaggi esilaranti, idea originale, però sviluppo in parte “già letto”.
AARTO PAASILINNA. IL FIGLIO DEL DIO DEL TUONO. 7,5. Un dio dei finnici si arrabbia in cielo perché sembra che i finlandesi adorino un dio avversario, cioè quello dei Cristiani. Allora manda suo figlio sulla Terra per convertirli. Provateci voi a costruire su queste basi un romanzo originale, divertente e con diversi riferimenti alla storia e alla mitologia finlandese: il buon Aarto ci è riuscito alla grande.

ALAN BENNETT. LA SOVRANA LETTRICE 8. Ottanta pagine. Nessuna che meriti di essere saltata. La storia? La Regina Elisabetta diventa ossessionata dalla lettura. Esilarante.
DAVID SEDARIS. ME PARLARE BELLO UN GIORNO. 8. Racconti ironici sulla vita di David, sulle sue frequentazioni, su New York, sull’America, sugli americani, sui francesi, sulla Francia. Sarebbe da conservare almeno una frase per pagina. Lo comprerò su Amazon subito dopo averlo restituito in biblioteca.

RAYMOND QUENEAU. IL DIARIO INTIMO DI SALLY MARA. 8,5. Sally difende la sua anima immortale in modi tutti suoi e con parole tutte sue. Comicità irresistibile.
RAYMOND QUENEAU. ZAZIE NEL METRO. 8,5. “Zazie, guarda come è bella Parigi!” “Me ne sbatto!” “Allora perché sei venuta a Parigi?” “Per il metrò”. Vite surreali vissute da personaggi surreali fanno da contorno alla mitica Zazie. Da rileggere in francese.
ITALO CALVINO. IL BARONE RAMPANTE. 9. Cosimo, a dodici anni, barone di fine Settecento, decide di andare a vivere sugli alberi e da lì muove il suo mondo in terra, in mare e perfino in cielo. Questo dovreste già saperlo. Forse non ricordate che Cosimo e Viola scopicchiano o vi è sfuggito quanto siano belle le pagine in cui si separano per sempre e tantissime altre pagine. Letteratura immortale.

Non è possibile lasciare nuovi commenti.