there is no life b

Lo stupore delle prese elettriche

Lo Stato che crea disuguali

| 0 commenti

Nessuno Stato crea ricchezza, ma lo Stato italiano crea povertà e disuguaglianza.
In Italia la disuguaglianza e la povertà estrema prima dei trasferimenti pubblici sono inferiori a quelle medie dell’UE.
Dopo i trasferimenti pubblici sia la disuguaglianza che la povertà diventano superiori a quelle medie dell’UE.
Questo significa che lo Stato italiano crea disuguaglianza e redistribuisce povertà.

Le situazioni più drammatiche si hanno per gli over 55 non pensionati e per la disoccupazione giovanile al sud.

Solo in Italia e in Grecia mancano strumenti di sostegno alla povertà estrema. La società dei disuguali in Italia è stata creata a partire da metà anni Sessanta. Sindacati, partiti politici, elettori, lavoratori di grandi imprese, dipendenti pubblici, sessantottini, pensionati ne sono responsabili. Nel pensare di costruire una società egualitaria e solidaristica creavano un modo duale: gli ipergarantiti (loro stessi) e gli esclusi (gli altri e le generazioni future).

Lascia un commento