there is no life b

Lo stupore delle prese elettriche

Luoghi di lavoro

| 0 commenti

Commercialista. Clienti di tipo A: “Non voglio pagare le tasse!”. Clienti di tipo B: “Vogliamo costituire una cooperativa non a scopo di lucro, ma vogliamo anche guadagnare qualcosa” Discorso del commercialista esperto: “Non fate investimenti, tenete l’utile basso perché se no dovete pagare troppe tasse”. Consiglio del commercialista anziano: .”Sconsiglio di fare questo mestiere. Comunque fai poche fotocopie e studia, ché ti apre la mente”. (La migliore come professionalità e varietà e l’unico posto in cui l’uso autonomo del cervello era ritenuto un plus. L’unico posto dove se sfogliavi un libro a lavoro non eri guardato male).

 

Multinazionale privata, ufficio amministrativo. Più soldi, meno vita privata. Più giovani e più laureati e meno contratti fissi. Si rischia di lavorare a Natale. Unica azienda in espansione. Una persona a fare il lavoro di tre. 

 

Comune. “Che palle!, era la parola d’ordine, ma lo era quasi ovunque. Il dirigente: “A che serve il codice civile? A vedere come trovare la soluzione giuridica dopo aver deciso cosa fare”. Tre persone a fare il lavoro di una. (La vita privata è più garantita, la burocrazia, il formalismo e il prevalere della cultura giuridico-amministrativa su quella liberale sono asfissianti).

 

Azienda privata ex municipalizzata. Unico dirigente valido tra quelli avuti. Ex sindacalista. Ex sessantottino. Ha salvato un’azienda, ha avuto una visione, ha fatto crescere l’impresa, di proprietà pubblica.  Pagava i master ai dipendenti. Coinvolto in un gioco di potere coi nuovi proprietari (privati) è stato buttato fuori. Nonostante i risultati…

 

Altra azienda privata ex municipalizzata. Prendono la prima azienda, la distruggono, buttano fuori il dirigente capace e prendono un ingegnere ultrasessantenne che pensa che i metodi che andavano bene in un’azienda che produceva elettrodomestici possano applicarsi in una di servizi. Ex sindacalisti che avevano trasformato una cooperativa in spa si rivelano dirigenti feroci e incompetenti. Quotano in borsa l’azienda, ma il suo valore  non ha mai superato quello di quotazione. Apple scansati, insomma. La proprietà era legata ad una fondazione bancaria, quindi poteva fregarsene dei piccoli azionisti. 

 

Azienda artigianale.  “L’unica cosa che conta nella vita è il lavoro”. “Si lavora anche il sabato”. Urla e strepiti contro tutto e tutti: banche, confartigianato. Fino al suo fallimento. 

Lascia un commento