Crea sito

there is no life b

Ma scrivi un po' cosa ti pare

1 novembre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Una questione di prospettive

Una questione di prospettive

Leggo in un commento su Facebook. “Nel 2013, cioè IERI, il figlio di un mio amico d’infanzia si è laureato in ingegneria informatica a Roma alla Sapienza, con 110 e lode, è stato a spasso due mesi, cercando lavoro presso … Continua a leggere

18 ottobre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Tutelare il posto di lavoro non significa tutelare il lavoratore. Seconda puntata.

Tutelare il posto di lavoro non significa tutelare il lavoratore. Seconda puntata.

Dico:”Hanno fatto la gara regionale per il trasporto pubblico locale imponendo tra le garanzie quelle di non licenziare il personale e di non aumentare per un po’ il prezzo dei biglietti. In queste condizioni un’azienda non si può gestire. Finirà … Continua a leggere

3 ottobre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Salario minimo: attenti alle conseguenze reali di quello che desiderate.

Salario minimo: attenti alle conseguenze reali di quello che desiderate.

Alzare il salario minimo, nei paesi dove questo esiste, come gli Stati Uniti, è una misura di sinistra, dicono. Sarà anche di sinistra, ma le conseguenze possono essere deleterie. Aumentano i costi per le imprese. Queste non sono più competitive. … Continua a leggere

3 ottobre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Produttività, welfare, spesa pubblica: che fare? Le proposte di Alberto Bisin.

Produttività, welfare, spesa pubblica: che fare? Le proposte di Alberto Bisin.

 Leggiamo Alberto Bisin in “Favole e Numeri:” Occorre ridurre la pressione fiscale, le tasse su lavoro e imprese e ridurre e riqualificare la spesa pubblica per non peggiorare i deficit di bilancio. La spesa, nel lungo periodo, va riqualificata per … Continua a leggere

30 settembre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Caso Amazon – NYT: una risposta.

Caso Amazon – NYT: una risposta.

Riassumo questo articolo indicando le parti che mi interessano di più: https://www.linkedin.com/pulse/amazonians-response-inside-amazon-wrestling-big-ideas-nick-ciubotariu Step 1: Abbi un pregiudizio. Step 2: Trova ex impiegati che raccontino aneddoti che confermino il pregiudizio. Step 3: Raccogli vecchie storie, non considerare i cambiamenti intervenuti, nascondi … Continua a leggere

30 settembre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Caso Amazon: attacchi gratuiti e contrattacchi.

Caso Amazon: attacchi gratuiti e contrattacchi.

Ancora sul caso Amazon, ma stavolta consideriamo un articolo della ex moglie di Gramellini e figlia di un noto costituzionalista che adesso scrive sul Corriere della Sera dopo un passato a La Stampa. http://www.corriere.it/opinioni/15_agosto_18/ma-new-economy-crea-uomini-robot-e124f108-457e-11e5-a532-fb287b18ec46.shtml Una pronta risposta la dà il … Continua a leggere

30 settembre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su La parte meravigliosa del lavorare in Amazon.

La parte meravigliosa del lavorare in Amazon.

Ma sarebbe stupendo se tante aziende fossero come Amazon e se anche la pubblica amministrazione fosse orientata all’innovazione, al progresso, all’ossessione per l’utente cliente. “Quando raggiungi il muro, non hai che da scalarlo”. Innovazioni, consegne attraverso i droni, ripristino delle … Continua a leggere

30 settembre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Caso Amazon – NYT (seconda parte).

Caso Amazon – NYT (seconda parte).

Cosa c’è di male se ai neoassunti viene spiegato cosa devono fare e gli viene mostrata l’azienda? Più o meno succede ovunque. Se la spiegazione si protrae a lungo è meglio: significa che si cerca di fornire informazioni ai dipendenti … Continua a leggere

27 settembre 2015
di riccardoricciblog
Commenti disabilitati su Il caso Amazon – NYT (prima parte.)

Il caso Amazon – NYT (prima parte.)

Fosse stato un articolo di un giornale italiano o una pseudo inchiesta di trasmissioni televisive potevo anche non farci caso. Inchieste a tesi precostituite, pregiudizi, ignoranza, malafede, attenzione alle esigenze del politico o dell’editore o del target di lettori sono … Continua a leggere